ArKa

ARKA: UN NOME, UNA VISIONE

ArKa è qualsiasi cosa irradi. È raggio, è splendore e folgore. È il canto”.
                                                                                           R. Calasso, L’ardore

ArKa è un termine che ha in sé “Ka”, che porta alla domanda “chi?” Un quesito che pone il tema dell’identità, che pone le basi di un soggetto conoscente e un oggetto conosciuto. Una domanda che apre un ponte tra Io e non-Io. Chi sono Io? E se dico Io, in relazione a chi lo dico?

Da anni lavoriamo nella relazione d’aiuto, è nostra esperienza che la domanda “chi sono io?” è la premessa per arrivare a comprendere non solo sé, anche l’Altro da sé, in senso orizzontale, il mio prossimo, e a volte apre la ricerca anche in senso verticale, transpersonale.

Questa domanda apre dunque al mondo interno ed anche al mondo esterno. A volte permette di scoprire che interno ed esterno sono solo due aspetti dello stesso mondo, in-relazione.

ArKa nasce dalla condivisione del senso di questa domanda. Ci sono tanti modi per essere al servizio degli altri. Noi sappiamo essere al servizio nel proporre questa domanda, nell’accompagnare nel viaggio alla scoperta di sé. Nel farne motivo conduttore di un’azione che è anche formazione, promozione del benessere sociale, azione consapevole di miglior-essere per sé e per gli altri.

Per chi desidera avere maggiori informazioni e soddisfare curiosità, consigliamo di leggere lo Statuto di ArKa.

 

 

Cartolina di ArKa

Stampa Email